La parte più dolce

La parte più dolce

La parte più dolce

di Ugo Ciavattella

Prendiamoci una pausa dolce per parlare di un artigiano artista, filosofo del cioccolato. Ezio Centini,da Bisenti(TE), è conosciuto come "lu furnar" (il fornaio) dalla gente del paese, ma ovunque si apprezzi l'arte cioccolatiera è considerato un punto di riferimento per creatività e ricerca della qualità. 

Il suo piccolo laboratorio-negozio in piazza è aperto, ma per trovare Ezio bisogna salire al piano di sopra, attraverso una piccola scalinata, seguendo il profumo del cacao fuso che
lui prepara dalle fave tostate. Sempre cordiale, lo trovi indaffarato con gesti rapidi e lo sguardo vivace del bambino che pregusta il dolce risultato. La sua fantasia è così prolifica che ogni volta ci sono novità, esperimenti, una batteria di cioccolatini mai uguale, a parte i mitici Tatù (foto). 

Il Tatù è tipico di Bisenti, tipo mostacciolo, nasce duro ma diventa morbido col passare dei giorni. Non poteva mancare il tocco dell'artista, e sono nate le versioni Bo'Bo' ed Esstozoi. Ma la vetrina di Centini ha in bella mostra tavolette di solo cacao (85%) e zucchero di canna, ottime per assumere quei 30 grammi di cacao al giorno che hanno dimostrato di avere effetti clinicamente verificati contro le affezioni cardio-vascolari, cioccolatini sott'olio extra vergine, panettone di solo cioccolato, è una sua idea il Pecorino di Farindola stagionato nel cacao.

Tanti prodotti, grande qualità, ma la parte migliore si può gustare solo parlando con Ezio del suo lavoro, ascoltando le storie, i miti, i sogni che ispirano le sue creazioni. Esci dal piccolo negozio con spirito rinfrancato, c'è ancora chi non si accontenta di vendere le sue cose ma ti coinvolge nella sua dimensione artistica trasmettendo passioni.

Ugo Civattella

Torna Indietro Contattaci Ora »

Altri articoli

Non ha mai fatto male tre fette di salame...
Settembre, andiamo, è tempo di migrare...
La parte più dolce